Cerca insegnamenti o docenti



Voi siete qui

Corso di laurea in SCIENZE E TECNOLOGIE DELLE PRODUZIONI ANIMALI (Classe LM-86)

Tipo di corso di studi / Type of ProgrammeLaurea Magistrale / Two-Year Master's Degree
Anno accademico / Academic year 2011/2012
Classe di laureaclasse LM-86, SCIENZE ZOOTECNICHE E TECNOLOGIE ANIMALI
Titolo rilasciatoDottore Magistrale
Curricula
Durata / Length of the programme2 anni / years
Crediti richiesti per l’accesso / ECTS credits required for admission180
Crediti / ECTS credits120
Anni di corso attivati / Activated years 1° anno / 1st year, 2° anno / 2nd year
AccessoLibero / Free (without admission test)
Accesso al 1° annoPossono accedere al Corso di laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali i laureati nelle classi L-38, L-13, L-25, L-26, L-2, nonché nelle corrispondenti classi relative al D.M. 509/99. Per l’ammissione i laureati devono aver acquisito almeno 60 CFU in SSD riguardanti le discipline: alimentazione e allevamento animale (AGR/18, AGR/19, AGR/20), biochimica (BIO/10, BIO/12), genetica (AGR/07, AGR/17), scienze tecnologie alimentari (AGR/15), economia ed estimo rurale (AGR/01), agronomia e coltivazioni erbacee (AGR/02), ispezione degli alimenti di origine animale (VET/04) malattie infettive e parassitarie (VET/05, VET/06), microbiologia (VET/05), morfofisiologia (VET/01, VET/02), patologia (VET/03), produzione e riproduzione animale (VET/10).
I Candidati sono anche tenuti a certificare la conoscenza della lingua inglese acquisita durante il corso di laurea (almeno 2 CFU); tale requisito può essere soddisfatto anche con la presentazione di opportuna certificazione rilasciata da scuole o Enti qualificati e certificati.

La preparazione personale dei laureati sarà verificata, ai fini dell’ammissione al corso di laurea Magistrale, mediante colloquio davanti ad una apposita Commissione che si terrà nei seguenti giorni:

20 settembre 2011 alle ore 9.30 presso la Presidenza della Facoltà di Medicina Veterinaria Via Celoria, 10 - Milano
11 gennaio 2012 alle ore 9.30 presso la Presidenza della Facoltà di Medicina Veterinaria Via Celoria, 10 - Milano
05 marzo 2012 alle ore 14.30 presso la Presidenza della Facoltà di Medicina Veterinaria Via Celoria, 10 - Milano
Corsi triennali che danno accesso senza debiti

Obiettivi formativi / Educational and learning aims

Il corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali mira a formare professionisti dotati di una solida preparazione scientifica, tecnologica ed operativa nel settore dell’allevamento animale, incluso quello di interesse faunistico e le relative interazioni con il territorio, della nutrizione ed alimentazione animale e dell’industria di trasformazione dei prodotti di origine animale, in grado quindi di esercitare le attività di competenza con ampia autonomia e piena responsabilità, sia in ambito nazionale che internazionale. Essi possono, inoltre, operare nel campo della ricerca pubblica e privata e in quello dell’insegnamento di settore. Tali figure sono capaci di definire i diversi sistemi di allevamento atti a garantire la produttività nel rispetto del benessere animale e dell’ambiente ed a prevenire il rischio di patologie dannose per la salute umana, possiedono la conoscenza di tecniche di laboratorio per il controllo dei processi produttivi e della qualità della filiera nelle diverse produzioni animali, hanno buona padronanza del metodo scientifico di indagine e attitudine all’approccio multi-disciplinare nella soluzione di problemi aziendali, sono in grado di svolgere e gestire attività di ricerca, al fine di promuovere l’innovazione tecnologica e gestionale nei sistemi agro-zootecnici per la garanzia della sicurezza alimentare (from feed to food).
In particolare, i laureati in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali devono essere in grado di:

- operare negli ambiti agro-zootecnici e nei campi della produzione animale, quali la gestione tecnica, igienica ed economica degli allevamenti, inclusi quelli di interesse faunistico, salvaguardando le condizioni del benessere animale e la qualità dei prodotti trasformati;
- pianificare e gestire sistemi meccanizzati e automatizzati in contesti produttivi agro-zootecnici;
- gestire le interazioni tra attività zootecniche, fauna selvatica ed ambiente al fine di pianificare un uso integrato e sostenibile delle risorse territoriali;
- valutare le tecnologie energetiche convenzionali e rinnovabili applicabili ai sistemi agro-zootecnici;
- gestire sistemi di allevamento e di produzione alternativi e sostenibili, anche in ambito tropicale;
- svolgere e gestire attività di ricerca, al fine di promuovere e sviluppare innovazione tecnologica e gestionale nei sistemi agro-zootecnici e nell’industria di trasformazione dei prodotti di origine animale;
- utilizzare i metodi della ricerca scientifica nelle fasi di produzione e di trasformazione dei prodotti di origine animale ed in quelle di promozione e commercializzazione;
- utilizzare, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea, di norma l'inglese, oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.

Competenze acquisibili / Skills and competences

Il corso di studio si propone di far conseguire al laureato le conoscenze e le capacità di seguito riportate secondo il sistema dei descrittori adottato in sede europea (Descrittori di Dublino).

• Conoscenza e capacità di comprensione. I laureati magistrali approfondiranno le conoscenze e competenze teorico-pratiche, acquisite nei corsi di laurea di primo livello a caratterizzazione scientifica, nei settori delle produzioni animali e, in particolare, nei settori che interessano le conoscenze di base di biologia, genetica, chimica, fisica, nonché conoscenze fondamentali sulla morfologia, fisiologia, miglioramento genetico, riproduzione, alimentazione e tecnologia d’allevamento degli animali di interesse zootecnico, compresa l’acquacoltura, sull’igiene delle produzioni animali incluse quelle di interesse faunistico, su tecnologie, meccanizzazione e ricoveri degli allevamenti, sull’economia dell’imprese zootecniche e di trasformazione e sul mercato delle produzioni animali, ed infine sulla gestione delle popolazioni selvatiche e acquatiche.
Attraverso l’opportuna integrazione tra la formazione di base acquisita nel corso degli studi di primo livello e la formazione più specialistica fornita dal percorso formativo di II livello, i laureati magistrali sapranno gestire i sistemi di allevamento e di produzione, anche in ambito faunistico e tropicale, svolgere e gestire attività di ricerca, al fine di promuovere e sviluppare innovazione tecnologica e gestionale nei sistemi agro-zootecnici; sapranno utilizzare i metodi della ricerca scientifica nelle fasi di produzione ed in quelle di promozione e commercializzazione; sapranno inserire il complesso delle conoscenze acquisite in ambiti socio-economici interdisciplinari e non limitati ai settori tecnici delle produzioni animali.
Le conoscenze saranno acquisite anche con la frequenza a seminari e workshop condotti da esperti di diversi settori e con la preparazione della tesi di laurea.
La verifica delle conoscenze e delle capacità di comprensione sviluppate sarà effettuata attraverso prove individuali d’esame e sulla base di prove pratiche a diversa caratterizzazione svolte nei laboratori e in campo.
• Capacità di applicare conoscenza e comprensione I laureati magistrali saranno in grado di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite a problemi relativi a tematiche innovative nello sviluppo di tecniche e procedure utili nei settori più specialistici delle produzioni animali, quali: tecniche di allevamento, nutrizione e alimentazione animale, patologia e tossicologia, microbiologia, igiene degli allevamenti, epidemiologia e controllo delle malattie parassitarie, produzione e riproduzione, miglioramento genetico e tutela della biodiversità, gestione delle popolazioni selvatiche ed acquatiche, sviluppo di modelli di allevamento meccanizzati ed automatizzati, aspetti gestionali e di marketing connessi all’attività di ricerca e di sviluppo nell’industria mangimistica e nell’industria di produzione e trasformazione degli alimenti destinati all’uomo ed agli animali, con particolare riferimento alla sicurezza degli stessi.
La capacità di applicare le conoscenze acquisite sarà stimolata e verificata durante l’intero percorso formativo sia mediante approcci teorici e pratici alle problematiche di settore durante lezioni, attività di laboratorio e in campo, sia attraverso il lavoro pratico-sperimentale sviluppato su specifici argomenti di ricerca nel corso della preparazione della tesi di laurea.
• Autonomia di giudizio. I laureati magistrali saranno in grado di sviluppare capacità critiche indispensabili per la conduzione di studi e ricerche nei settori peculiari delle produzioni animali, ma anche in settori di studio e ricerca affini. Questo aspetto della formazione sarà agevolato dalla partecipazione a seminari e workshop nel corso dei quali esperti qualificati stimoleranno lo studente a una valutazione critica di lavori e studi pubblicati nella letteratura internazionale e dei risultati conseguiti nell’ambito di ricerche scientifiche alle quali lo studente stesso avrà preso parte. Anche l’attività di preparazione della tesi di laurea, che potrà essere svolta anche presso altre istituzioni universitarie ed extra-universitarie nazionali e internazionali, favorirà lo sviluppo di questa abilità e attitudini.
• Abilità comunicativa. I laureati magistrali sapranno comunicare in maniera adeguata e senza ambiguità di interpretazione le conoscenze, i progressi e le più recenti innovazioni applicative nei settori di interesse delle produzioni animali in un contesto di collaborazione con interlocutori di analoga preparazione specialistica, ma anche con interlocutori di diversa o meno specialistica preparazione.
L’abilità comunicativa, favorita anche dalla frequenza a seminari e work-shop, sarà verificata durante il percorso didattico attraverso le prove d’esame e attraverso la presentazione e la discussione della tesi di laurea.
• Capacità di apprendimento. I laureati magistrali saranno dotati della capacità di approfondire le loro conoscenze attraverso la conduzione autonoma di pratiche, studi e ricerche pertinenti ai settori più peculiari delle produzioni animali, ma anche a settori di ricerca affini non specificamente inerenti al mondo animale.
L’acquisizione di tale capacità sarà verificata nel percorso formativo attraverso seminari, tutoraggio personalizzato e la preparazione della tesi di laurea.

Sbocchi professionali / Careers

Il titolo di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali viene conferito a studenti con avanzate capacità di sviluppo delle metodologie scientifiche, in grado di coordinare progetti di ricerca nazionali ed internazionali ed in possesso di approfondite conoscenze specialistiche nei settori delle produzioni animali.
Il laureato magistrale in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali, troverà sbocco occupazionale nei seguenti ambiti professionali, dove potrà svolgere funzioni progettuali, direttive, gestionali e consulenziali:
- controllo della qualità dei processi di allevamento a scopo zootecnico o amatoriale;
- aziende agro-zootecniche ed agro-alimentari;
- pianificazione, assistenza e verifica nelle industrie di settore, quali la mangimistica, l’impiantistica zootecnica e quella della trasformazione dei prodotti di origine animale;
- valutazione zootecnica e gestione del benessere degli animali allevati;
- attività professionale nell’ambito della selezione e miglioramento genetico;
- ricerca e sviluppo nell’industria agro-zootecnica;
- attività economico-estimative relative ai settori di interesse zootecnico, agro-alimentare e faunistico;
- conservazione, gestione e allevamento delle specie selvatiche;
- gestione di parchi naturali, parchi-zoo e centri di recupero degli animali selvatici;
- gestione di sistemi per la produzione di energie rinnovabili a livello aziendale;
- gestione dei processi di certificazione degli alimenti;
- consorzi di tutela;
- approvvigionamenti dei prodotti di origine animale per le aziende di trasformazione e per la grande distribuzione organizzata (GDO);
- laboratorio di analisi degli alimenti per uso zootecnico, nonché delle produzioni animali sia primarie che trasformate;
- produzioni animali, sia primarie che trasformate, loro commercializzazione e marketing;
- assistenza tecnica nei Paesi in via di sviluppo;
- Enti pubblici e privati del settore;
- ricerca scientifica, insegnamento e divulgazione;
- informazione tecnico-scientifica farmaceutica;
- valutazione e controllo della sicurezza ambientale.